Le Perle di Labuan

Condividi su Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+Pin on Pinterest

Qualche giorno fa, tramite un paio di passaparola, mi sono imbattuta in un oggetto di cui mi sono subito innamorata. Mi sono chiesta quando sarebbe stato giusto pubblicare questo post e ho pensato che le “Perle di Labuan” sarebbero state un bel regalo di Natale da consigliarvi, made in Italy e originale. Disegnate e realizzate da Sivia Zagni e Roberta Giovanardi, sono fili di perle (ognuno lungo 3mt), che permettono di creare lampade più o meno grandi, più o meno luminose, con cui giocare: facendole scendere a piombo dal soffitto, divertendosi in giochi sinuosi, usando uno o più fili dello stesso colore o colori diversi. Adoro la palette disponibile: osso, lilla, azzurro, verde smeraldo, verde vanadio, antracite, cemento. Non è facile rendere originale la scelta dei colori e paradossalmente non è facile comprare made in Italy, Le “Perle di Labuan” sono fatte di argilla pigmentata locale.

Vi lascio alle immagini. Che ne dite? Hanno entusiasmato anche voi? Per qualsiasi informazione scrivetemi e vi metterò in contatto con Roberta.

Benvenuto/a a casa di Ro. Commenta: per aiutarmi a crescere e a conoscere meglio le tue esigenze, per una critica educata o anche solo per un saluto veloce. E se il post ti è piaciuto, condividilo sui social!

Tag:, , / 3 Commenti

3 Commenti su Le Perle di Labuan

  1. mirco
    12/12/2013 at 18:04 (6 anni ago)

    le vostre lampade sono stupende, ho avuto modo di ammirarle a Venezia, anche il vostro cagnetto e’ strepitoso!

    Rispondi
  2. michela
    12/12/2013 at 19:29 (6 anni ago)

    Le conosco anche io! ho avuto il piacere di conoscere Roberta e di vedere tutta la passione con cui sta portando avanti questo progetto!
    Di queste perle sono rimasta affascinata dalla loro materia grezza..bellissima!
    P.S ti ho scoperto solo ora e ti seguirò con piacere!
    Michela

    Rispondi
  3. Roberta
    14/12/2013 at 19:25 (6 anni ago)

    Ringrazio tutti per i bei commenti, fonte di stimolo per insistere e sviluppare il progetto. Roberta

    Rispondi

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *






Comment *